Pasqua 2024

A spasso per Modena

Nel fine settimana festivo si visitano la Ghirlandina, le Sale storiche e l’Acetaia, il Museo Civico e i Musei del Duomo, Fmav e il parco archeologico della Terramara

Il sito Unesco con piazza Grande, la Ghirlandina e le sale storiche del Palazzo comunale, i rinnovati Musei del Duomo, aperti in via straordinaria il lunedì di Pasquetta, il Museo Civico per le mostre “DeVoti Etruschi” (nell’ultimo weekend di apertura) ed “Enigma proibito”, e la Terramara che apre la stagione primaverile nel giorno di Pasqua.  Ma anche le mostre di Fmav con la personale di Franco Fontana e “Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto”. Per il fine settimana di Pasqua e Pasquetta, domenica 31 marzo e lunedì 1 aprile, modenesi e turisti possono approfittare delle numerose occasioni di visita che la città offre riunite nel portate di promozione turistica visitmodena (www.visitmodena.it/it/pasqua) attraverso il quale è anche possibile prenotare.

Nel sito Unesco di piazza Grande si può salire in Torre venerdì 29 marzo dalle 9.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30; sabato 30 e domenica 31 marzo la Torre sarà aperta con orario continuato dalle 9.30 alle 18.30, lunedì 1 aprile (giorno in cui entra in vigore l’orario estivo) dalle 9.30 alle 19. L’ingresso è a pagamento (il biglietto costa 3 euro) e la prenotazione obbligatoria attraverso il sito visitmodena.it. Sono aperte per le feste anche le Sale storiche del Palazzo comunale: venerdì 29 dalle 9 alle 18 a ingresso gratuito; sabato 30 dalle 13 alle 15, a ingresso gratuito; domenica 31 marzo e lunedì 1 aprile con ingressi alle 15.15; 16; 16.45; 17.30; 18.15, con prenotazione obbligatoria (ingresso 2 euro). Negli stessi giorni si può partecipare a visite guidate (su prenotazione) all’Acetaia comunale: il venerdì pomeriggio alle 15.30 e alle 16.30; da sabato 30 marzo a lunedì 1 aprile, alle 10.30, 11.30, 15.30, 16.30.

I Musei del Duomo si potranno visitare venerdì 29 marzo, dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 18 e sabato 30, dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19. Resteranno chiusi il giorno di Pasqua, mentre saranno aperti, in via straordinaria, per Pasquetta, lunedì 1 aprile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Nel giorno di Pasquetta prende il via anche la campagna promozionale che prevede un coupon di sconto del 50 per cento sul costo del biglietto d’ingresso ai Musei (3 euro invece di 6) in regalo ai visitatori di Ghirlandina, del Modena city tour e di Palazzo Ducale.

Sito Unesco Modena Vista Aerea _Foto Nicola Jannucci

Per tutto il fine settimana pasquale è aperto anche il Nuovo Diurno di piazza Mazzini, dove si può visitare la mostra fotografica “Venturi per Modena”. Il Diurno è aperto il venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 19; da sabato a lunedì, con orario continuato dalle 9.30 alle 19, a ingresso libero e gratuito.

Le sale espositive del Museo Civico, al terzo piano del Palazzo dei Musei, saranno aperte sabato 30 e domenica 31 marzo e lunedì 1 aprile dalle ore 10 alle 19, con ingresso gratuito. Sarà possibile visitare anche l’esposizione “Enigma proibito”, un percorso nel mondo misterioso della crittografia dedicato a un manoscritto del patriota risorgimentale modenese Pietro Giannone, rimasto inviolato per un secolo e mezzo e che è stato decifrato di recente rivelando un contenuto fortemente licenzioso e, nell’ultimo weekend di apertura, la mostra “DeVoti Etruschi” che, in una suggestiva cornice multimediale, espone circa duecento ex-voto in terracotta provenienti dalla città etrusca di Veio.

Al piano terra del Palazzo dei Musei, saranno accessibili gratuitamente anche la Gipsoteca Giuseppe Graziosi sabato, domenica e lunedì di Pasqua dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, e l’adiacente Lapidario Romano.

A Palazzo dei Musei è aperta anche la Galleria estense: venerdì 29 e sabato 30 marzo, dalle 8.30 alle 19.30; domenica 31 marzo e lunedì 1 aprile dalle 10 alle 18 (ingresso a pagamento; per informazioni: gallerie-estensi.beniculturali.it/galleria-estense-modena).

E il giorno di Pasqua via anche alla stagione primaverile del Parco archeologico della Terramara di Montale che sarà aperto anche il lunedì di Pasquetta: domenica i partecipanti alla visita guidata potranno assistere alla dimostrazione di archeologia sperimentale “Intrecci di salice”, sulle antiche tecniche per realizzare cesti che, per l’occasione, si riempiranno di ovetti di cioccolata. Lunedì tornerà “Archeologi per un giorno”, il laboratorio che permette a grandi e piccoli di vivere l’emozione dello scavo archeologico. Per informazioni: www.parcomontale.it.

Per tutto il fine settimana festivo si possono visitare anche le mostre di Fondazione Modena arti visive a partire “Modena dentro”, la personale del grande fotografo Franco Fontana che ha inaugurato i nuovi spazi espositivi dell’ex Ospedale estense. Da sabato a lunedì, la mostra è aperta dalle 11 alle 19. L’ingresso costa 6 euro. A palazzo Santa Margherita, al Museo della figurina, prosegue la mostra “Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto. Silver, 50 anni da lupo” che celebra il mezzo secolo del lupo blu creato da Silver insieme a tutta la fattoria McKenzie. Sempre a palazzo Santa Margherita si può visitare anche “Corrispondenze”, la mostra dedicata alla giovane fotografia che vede protagonisti i lavori inediti di sette artisti italiani emergenti prodotti a partire dall’opera di uno dei maestri del passato presenti nelle collezioni di Fmav. Tutte le mostre si possono visitare sabato, domenica e lunedì dalle 11 alle 19 (informazioni: fmav.org).

Nella ex chiesa e nella sala delle monache del complesso di San Paolo (via Selmi 63) per tutto il fine settimana si può visitare “Pandemonio”, la personale dell’artista modenese Sergio Padovani: un percorso visionario e a tratti inquietante nel suo lavoro più recente (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, a ingresso gratuito).

Aperti anche il Museo Enzo Ferrari (sabato e domenica dalle 9.30 alle 18; lunedì 1 aprile tutti i giorni, dalle 9.30 alle 19, ingresso a pagamento; www.ferrari.com/it-IT/museums/enzo-ferrari-modena) e la Casa Museo Luciano Pavarotti in stradello Nava (tutti i giorni dalle 10 alle 18; ultimo ingresso alle 17; www.casamuseolucianopavarotti.it).