Vigarano Mainarda

Lettere in redazione

Salta il Consiglio Comunale per l’approvazione del rendiconto.

Anche quest’anno l’approvazione del bilancio consuntivo a Vigarano è fuori tempo massimo.

Lo scorso 30 aprile 2023 è scaduto il termine entro il quale (ai sensi dell’art. 227 del TUEL) il Consiglio Comunale di Vigarano avrebbe dovuto approvare il rendiconto della gestione dell’anno 2022 ma la convocazione era arrivata per il 5 giugno 2023 (ossia con più di un mese di ritardo). Oggi, 24/05/2023, apprendiamo che anche la data del 5 giugno è saltata a “causa di un mero errore materiale nelle scritture contabili”, e, ancora una volta, l’Amministrazione ha mostrato la sua incapacità nel far fronte alle normali procedure per la corretta conduzione di un Comune.
Ancora una volta, in sede di bilancio, che è la parte più importante nella vita amministrativa di un Ente, questa Amministrazione arriva impreparata; non riesce a rispettare i termini di legge, non riesce a consegnare la documentazione completa ai consiglieri (lo scorso anno ho chiesto la sospensione del consiglio comunale perché mancava un intero allegato alla documentazione del bilancio di previsione), o troviamo refusi all’interno dei documenti.
Anche quest’anno, per questo bilancio, mi sono accorta che non erano stati rispettati i tempi per la messa a disposizione dei consiglieri comunali di alcuni importanti documenti riguardanti la relazione del revisore dei conti. Nella documentazione ricevuta, infatti, ci sono due relazioni senza data e senza firma. Inoltre, analizzando i documenti del bilancio risultano somme menzionate/iscritte due volte, così come alla voce accantonamenti “reti gas” manca l’intero importo da accantonare, solo per fare qualche esempio. “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”.
Questa Amministrazione, che ha ormai dichiarano di non ritenere necessario il confronto con l’opposizione, di non ritenere necessario convocare capigruppo o commissioni in preparazione dei consigli comunali, di non ritenere nemmeno di dover spiegare ai consiglieri comunali e ai cittadini il motivo per il quale la Legge non viene rispettata e quali siano i problemi a redigere un bilancio. Tengo a precisare che i cittadini di Vigarano hanno pagato ditte esterne per i primi bilanci di questa Amministrazione per avere un servizio non efficace né efficiente.
Il Sindaco, ovviamente, non manca mai di dispensare parole rassicuranti nei suoi discorsi, ma intanto le cose vanno, come sempre, “alla carlona”.
Vorrei ricordare le parole del Sig. Prefetto di Ferrara, Rinaldo Argentieri, in occasione dell’inaugurazione, a Vigarano, l’altro ieri, del cippo in memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino “La Legge va rispettata”. Infatti la Legge bisogna applicarla e va rispettata da tutti, Cittadini, Istituzioni e Onorevoli.

Agnese De Michele

Capogruppo Costruiamo il Futuro Con Te