Terre del Reno (FE) – Bilancio

Troppe cose “non tornano”

Comunicato stampa di Futuro comune

Pubblichiamo integralmente il comunicato inviato alla redazione da Futuro Comune

Se si dovesse riassumere il Consiglio comunale svoltosi mercoledi 24 aprile 2024 a Terre del Reno,
probabilmente si potrebbero elencare questi 3 punti:
– Bilancio consuntivo 2023 con tanti, tantissimi soldi a fronte di aumento dei costi riversati su famiglie e associazioni del territorio e servizi non totalmente coperti;
– Località di Dosso: grandi progetti, tutti da mettere in cantiere in futuro (per adesso non
pervenuto!)
– Pista ciclabile – Qualcosa non torna nella suddivisione dei costi

Sul BILANCIO CONSUNTIVO 2023 ci sarebbe da discutere per giorni.

Proviamo a riassumere con pochi concetti:
– Entrate correnti (2023): oltre 9,7 milioni di euro.
– Spese correnti (2023): poco sopra gli 8 milioni di euro.
– impianto fotovoltaico del comune (dal 2011): passivo complessivo da oltre 1,6 milioni di euro.
Avanzo positivo da oltre 1,7 milioni di euro che vanno a sommarsi agli oltre 2,7 milioni di euro già disponibili dagli anni passati. Quindi oltre 4,5 milioni di euro di avanzo di amministrazione.
Tutto bellissimo, se il Comune fosse una società o una impresa che deve produrre utili.
Ma il Comune non è e non deve essere questo. Vogliamo approfondire le scelte fatte fino ad oggi?
– TARI 2023 (tassa rifiuti) aumentata complessivamente di oltre 60.000 €, spesa riversata
completamente sulle bollette delle famiglie di TdR;
– Rette Asili Nido: “Ritoccate” al rialzo (chiedere alle famiglie per credere) con aumenti in alcuni
casi di oltre il 25%;
– Tariffe palestre e Palareno: Aumenti di oltre il 65%, tutti riversati sulle associazioni sportive del territorio;
– Contributi alle imprese del territorio: 30.000 € in 2 anni (2023 e 2024) a fronte di ben altri contributi concessi da comuni vicini ai nostri;
E poi ci sono le varie situazioni che richiederebbero maggiore “attenzione”:
– la palestra di Mirabello è inutilizzabile e i lavori tardano ad essere preogrammati;
– il parco Quadrifoglio è fermo lì, con un ritardo che oramai non è neanche quantificabile;
– non esiste un punto comune di Sanità a Mirabello;
– Dosso aspetta da anni che qualcuno si ricordi che fa parte del comune (centro sportivo, strade da asfaltare, manutenzione del ponte, via Verdi…)
– a scuola mancano i fogli per fare le fotocopie o la carta igienica;
– nel comune non esiste il trasporto scolastico. (e quando c’era venivano chiesti contributi
altissimi alle famiglie)
– le nostre strade (quelle di nostra competenza) sono ridotte malissimo e in alcune località i nostri marciapiedi sono disastrati;
Si potrebbe continuare, ma non ne vale la pena.
L’importante è dire che abbiamo risparmiato tanti soldi e che “l’obiettivo del Comune è avere un debito nullo fra qualche anno (progetto Debito 0 lanciato dall’amministrazione)”.
Obiettivo facile da raggiungere se i maggiori costi li si riversano completamente sulle cittadine e i cittadini di Terre del Reno.
Su Dosso c’è pochissimo da dire. O meglio, Ci sarebbero tantissime questioni da approfondire.
Per ora, basti sapere che:
– i controlli VISIVI (??!!) fatti al ponte di Dosso fino ad oggi mostrano una immutata stabilità del manufatto. Quindi tutto ok fino al 2026;
– i lavori di asfaltatura di via Prampolini si faranno, ma per ora non si può dire una data;
– al centro sportivo sono stati imbiancati gli spogliatoi (campo calcetto e tennis non pervenuti);
– via Carducci è una questione complicata e si spera di risolverla in futuro;
– via Verdi è nei progetti dell’Amministrazione.
La questione più strana della serata però ha riguardato il confronto sul PIANO ECONOMICO-
FINANZIARIO della PISTA CICLABILE.
L’Amministrazione ha portato in approvazione il quadro economico che riporta:
– Spesa complessiva dell’opera da Vigarano Pieve a San Carlo di 2.623.844,61 € così ripartiti:
— 1.500.000 € da contributo regionale Emilia Romagna;
— 1.050.767,45 € a carico del comune di Terre del Reno;
— 73.077,16 € a carico del comune di Vigarano Mainarda.
Non trovate che ci sia qualcosa di strano??
– il 57,17% del costo coperto dalla regione;
– il 40,05% del costo coperto da Terre del Reno;
– il 2,78% del costo coperto dal comune di Vigarano Mainarda.
Passi che probabilmente la parte più onerosa della costruzione della ciclovia riguarda il tratto Mirabello-San Carlo che è ancora da realizzare, ma non è possibile che ci sia una disparità di questo tipo nella partecipazione al costo dell’opera.
Anche perchè abbiamo chiesto (senza ricevere risposta) se il 1.500.000 € concesso dalla regione verrà poi ripartito secondo questa sproporzione di impegno. RISPOSTA DEL SINDACO: “Non serve che vi spieghi, è come un dialogo tra un sordo e un muto”. Risposta sul merito della questione: NESSUNA.
Per approfondire la questione, abbiamo letto:
– la relazione tecnica del progetto della ciclovia;
– l’accordo tra il comune di Vigarano e quello di Terre del Reno;
– la delibera di giunta del Comune di Vigarano Mainarda n. 71 del 15 settembre 2023 e quella della giunta di Terre del Reno n. 113 del 15 settembre 2023 con la quale entrambi i comuni hanno approvato il progetto di fattibilità tecnico-economico
Da quelle delibere emerge come la ciclovia, per la tratta di cui stiamo parlando abbia un costo complessivo di 2.623.844,61 € (lo stesso del quadro economico discusso in Consiglio Comunale), ripartito però con ben altre percentuali:
QTE in capo al Comune di Vigarano per un importo di € 679.445,23 (25,9% del costo);
QTE in capo al Comune di Terre del Reno per un importo di € 1.944.399,38 (74,10% del costo).
Secondo queste percentuali (25,9% e 74,10%) il contributo regionale da 1,5 milioni si sarebbe dovuto ripartuire con questi importi: 1.111.500€ a TdR e 388.500€ a Vigarano con un contributo di quest’ultimo di 290.945,23€.
Abbiamo chiesto spiegazioni. Abbiamo chiesto come sia possibile che risorse che potevamo
utilizzare e destinare per il tratto sant’Agostino-Dosso (non previsto nell’attuale progetto),
vengano utilizzate per finanziare la parte di Vigarano Mainarda.
Per semplificare: Abbiamo chiesto al sindaco se il comune di Vigarano Mainarda dovrà versare altri soldi oltre ai 73.077,16 € approvati in Consiglio Comunale. Nessuna risposta.
La risposta a questa ultima domanda sarà quella che dirimerà il problema da noi sollevato!
Basta che non ci venga detto che siamo dei semplici sordi che non capiscono cosa dice un muto.

Francesco Margutti
Capo gruppo di “Futuro Comune”
Comune di Terre del Reno