Bondeno (FE) – Scuola

Le scelte dei ragazzi

premiano il Liceo

Le iscrizioni alle scuole superiori si sono chiuse per gli studenti di terza media: a partire dal prossimo settembre, circa centoventi ragazzi bondenesi inizieranno l’ultimo percorso scolastico prima di entrare nel mondo del lavoro o all’università. Con la terza edizione dell’indagine promossa dal Comune dal titolo “La scelta dell’istruzione superiore”, gli alunni di terza media hanno esposto in maniera anonima le loro scelte future e la loro conoscenza dei servizi culturali presenti a Bondeno. Per il secondo anno consecutivo, l’Istituto Superiore “G. Carducci” di Bondeno si è rivelata essere la seconda sede in assoluto più scelta dai ragazzi (26,5%), dietro soltanto alla città di Ferrara (42,74%), che naturalmente offre innumerevoli indirizzi di studio. Come conseguenza diretta di ciò, spopola il liceo scientifico, che risulta essere l’indirizzo con il maggior numero di iscrizioni, scelto da quasi uno studente su due (46%) fra quelli che hanno dichiarato di essersi iscritti a un liceo. Proprio i licei fanno da padrone nella scelta dell’istruzione superiore: poco meno del 50% del totale dei ragazzi di terza media ne frequenterà uno, mentre la restante parte degli studenti si dividerà in maniera abbastanza omogenea tra gli istituti tecnici (28%) e gli istituti professionali (24%). «L’appetibilità della scuola superiore bondenese è alta e trasversale fra tutte le classi – commenta i dati l’assessore alla Scuola, Francesca Aria Poltronieri –: in tre classi terze su cinque, l’orientamento verso Bondeno supera nettamente quello verso Finale Emilia, e addirittura in una sezione la scelta di rimanere a studiare sul territorio matildeo è anche maggiore di quella di recarsi a Ferrara. Ovviamente ciascuno studente è libero orientarsi verso l’istituto più incline alle proprie passioni e ai propri interessi – puntualizza l’assessore –, tuttavia i dati anno dopo anno ci testimoniano l’importanza del lavoro svolto nella promozione e nel sostegno diretto a proseguire l’istruzione rimanendo a Bondeno. Penso ad esempio al trasporto intercomunale, al bonus libri da 300 euro, allo scambio culturale con Dillingen e ai tanti progetti svolti in collaborazione fra Comune e Istituto». Ancora una volta, poi, i ragazzi mostrano un’ampia conoscenza dei servizi culturali e per lo studio presenti a Bondeno: la stragrande maggioranza dichiara di conoscere bene sia la Biblioteca “Meletti” (81%), sia il centro giovani Spazio29 (82%), e anche la scuola di musica Auxing e il bonus libri sono conosciuti in media da circa due studenti su tre. Per quanto riguarda lo sport, il 74% dei ragazzi pratica regolarmente attività fisica, e fra le richieste avanzate dai giovani figurano la possibilità di svolgere più feste e spazi per lo sport: «Richieste che, come sempre, non rimarranno inascoltate – chiosa Poltronieri –. Negli ultimi due anni abbiamo sempre assecondato le volontà dei giovani, e così continueremo a fare. Infatti, sono già in programma svariate feste e nuovo un campo sportivo multifunzionale è in corso di realizzazione presso Spazio29».